Categorie
Musica

Musica senza parole

[ratings]

Il pianismo di Bruno Canino, musicista tra i più affermati sulla scena internazionale, all’ascolto dei suoi dischi e dei suoi concerti risulta da sempre elegante, morbido, mai sbalorditivo per un mero gusto spettacolare fine a se stesso ma, invece, col fine ultimo di stabilire un criterio prettamente cameristico anche nei momenti di assoluto virtuosismo. Poi, se magari come il sottoscritto si ha anche la fortuna di suonare in un’orchestra che lo accompagna nel Concerto per pf. K 414 di Mozart e nel Doppio di Mendelssohn ti accorgi direttamente del suo garbo signorile, del tocco delicato anche durante le prove, del fatto che gli artisti grandi non si lamentano mai di nulla: delle luci, degli sgabelli troppo alti, dei camerini troppo piccoli. L’orchestra stessa veniva trascinata in maniera sicura dalle note del suo pianoforte così come lo stesso direttore Gianfreda che poteva in questo caso dedicarsi completamente al funzionamento dell’insieme avvalendosi di un solista di così provata affidabilità. Dietro le quinte si viene così a contatto con la sua disponibilità al dialogo e si tocca con mano il suo affetto paterno nei confronti della brava figlia Serena, allorché nel corso dell’intervallo il Maestro riusciva sul palco per accertarsi che il leggio della figlia fosse già al posto giusto per l’esecuzione imminente. Personalmente una serata da ricordare, così come per i tanti che gremivano il Teatro Comunale. La stagione 2007 dell’Associazione “Caelium” diretta dal maestro Gianfreda si è così chiusa nel segno del prestigio.
Un’annata che ha visto in cartellone ben otto appuntamenti e che avrà, per così dire, come una sorta di appendice i due appuntamenti del 21 e 28 ottobre prossimi. Nel primo, intitolato “Musica oggi” si esibirà un ensemble composto dalla voce di Doriana De Giorgi, dal pianoforte del fratello Valerio e dai flauti di Luigi Bisanti e Lucia Rizzello che daranno vita a composizioni strumentali e canore. Gli autori, tutti viventi, alcuni dei quali pugliesi, rispondono al nome di Palmo Liuzzi, Valerio De Giorgi, Michele Pezzuto, Mario Gagliani, Giuseppe Gigante, Rino Nicolosi, Davide Summaria, Riccardo Piacentini, lo stesso maestro Massimo Gianfreda e Aldo Clementi, nome quest’ultimo che non ha bisogno di presentazione. I testi saranno tratti da opere di Joseph Tusiani e dalla raccolta poetica “Le strade del cuore” del nostro concittadino il poeta Damiano Leo.
Il secondo appuntamento, invece, vedrà protagonista assoluto il pianoforte di Mariagrazia Lioy che interpreterà musiche spagnole (Goyescas).

Nicola Santoro

Di Redazione Ceglie Plurale

Redazione Ceglie Plurale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.