Categorie
Altro

Fondo Leonardo

[ratings]

Accetto di buon grado l’invito a pranzo per il “varo” della Sua nuova residenza a “Fondo Leonardo” – così come affettuosamente ama chiamare la sua proprietà – in contrada Palagogna.
Lui, Leonardo de Angelis, ingegnere in pensione, dopo una vita passata in giro per il mondo inseguendo i Suoi impegni di lavoro e nel sociale è qui a Ceglie, oggi, a mostrarmi orgoglioso il suo piccolo gioiello di funzionalità… e sorrido se penso che, ancora oggi, nell’immaginario del cegliese medio, augurare a qualcuno di andare ad abitare in un trullo è una delle peggiori sentenzie!
“Fortunata fu la circostanza – risponde alla mia incontenibile curiosità femminile – che mi vide ospite assieme ad altri “forestieri” nel 2002 del Rotary Club di Bari, in occasione del gemellaggio tra il Rotary Club Moscow International di Mosca, di cui sono stato poi Presidente, e lo stesso Rotary Club di Bari. Di questa terra, di cui fino a quel giorno conoscevo poco, mi innamorai subito… sarà per il buon cibo, sarà per l’aria fine, sarà per quell’irresistibile contrasto di colori tra il blu del cielo, il rosso della terra, il verde smeraldo della vegetazione, il bianco dei tittuli dei trulli…”. E come dargli torto, questo sabato di pieno inverno lascia far capolino all’imminente primavera.
E lui, dopo anni vissuti nella fredda Russia ha deciso di passare gran parte dei suoi giorni qui, nella Nostra cittadina. “Ceglie non ha nulla da invidiare alle cittadine limitrofe – dice – perché ha un bellissimo centro storico, non da meno rispetto a quello di Cisternino o di Locorotondo è solo che è tenuto male, perché c’è stato, negli anni scorsi, un certo disimpegno da parte dei Governi locali e poi perché è sentito poco “cosa propria” da parte dei cittadini stessi. E pensare che basterebbe poco per renderlo più attraente: per esempio l’ Amministrazione Comunale potrebbe incentivare la cura delle facciate delle case anche mediante l’istituzione di un premio, che so, per il miglior balcone fiorito!” Nelle Sue parole leggo un forte entusiasmo, quell’entusiasmo di chi vuol fare qualcosa di concreto per questa Città, ma non perché pretenda con protervia di insegnare qualcosa, ma perché Lui, forestiero, meglio vede pregi e difetti, con oggettività. “Una forte carenza di questa Città è che manca una guida, un consiglio, un aiuto alle tante persone che, come me, si trovano a vivere in una realtà che poco o per niente conoscono. Si dovrebbe, a livello di Amministrazioni locali, promuovere l’istituzione di piccole cooperative di servizi, affidate a giovani, che, ovviamente previo retribuzione, siano in grado di garantire tutta quella serie di servizi logistici fondamentali per rendere piacevole il soggiorno di quanti, al bisogno, anche per le piccole necessità di tutti i giorni, non sanno nemmeno a che santo votarsi”. E Lui, conosce bene questa realtà: difatti, sta collaborando alla ristrutturazione di una proprietà che, una coppia di amici, parigino lui, russa lei, hanno acquistato sempre a Ceglie. “Sto praticamente mediando – dice – manodopera locale ed esigenze degli acquirenti…e chi meglio di me può capirli! Non è solo un fatto di comprensione linguistica, quanto il fatto che, culture diverse sposano esigenze diverse”. “Altra cosa positiva è che ho avuto una buona impressione della manovalanza locale – così come della cittadinanza in generale – riscontro serietà e disponibilità: peccato però che spesso manchino di una diretta connotazione professionale! Si potrebbero istituire dei corsi che portino alla qualificazione di mestieri antichi, come il potatore o il chiancataro (sic), oggi più che mai attuali”.
E l’Ingegner de Angelis mi lascia con una chicca “A giugno, probabilmente il Due, festa della Repubblica, porterò a Ceglie – ed ho già preso in tal senso accordi con l’Amministrazione Comunale – un gruppo di giovanissimi musicisti di origine russa, vincitori nella loro patria di concorsi musicali per piccoli talenti”.
Un uomo che ci crede, al contrario di molti di noi, nella rimonta di questo paese.

Marta Gasparro

Di Redazione Ceglie Plurale

Redazione Ceglie Plurale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.