Ceglie sportiva ha dimenticato la Coppa Messapica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)
Loading...

La 47a Coppa Messapica, 6° Memorial “Orazio Lorusso” è stata vinta da Richeze Roberto della VC Bassano 1892 Elca Seca che ha battuto in una splendida volata il n. 90 Reda Francesco della SG Sergio Dal Fiume.
Sfortunata la gara del n.19 Rizzi Bruno del team Schivardi Colombina 1983 che sin dal primo giro del circuito cittadino di km.4,8, è stato il vero animatore della gara e per ben 6 giri è stato in testa. Rizzi è stato raggiunto quasi nell’ultimo chilometro e stremato dalla fatica si è dovuto accontentare di un meritato terzo posto.
Come ogni anno la Coppa Messapica è risultata una gara molto impegnativa per i continui saliscendi e per il caldo che si è fatto sentire sin dall’inizio. Alla partenza si sono presentati oltre 90 corridori provenienti da tutta l’Italia e dopo 120 chilometri, solo una trentina sono riusciti a terminare la corsa. Due annotazioni, uno di carattere tecnico e l’altro per richiamare l’attenzione sulla mancanza di pubblico sul percorso.
L’organizzazione ha lasciato a desiderare e non ha previsto il transennamento della parte più pericolosa del tracciato e per la mancanza di un medico nelle autoambulanze che accompagnavano la corsa. Da notare il poco raccordo tra i vari settori tecnici.
L’indifferenza e l’indisciplina degli spettatori ha causato un incidente in cui è stato coinvolto il n. 77 Conserva Francesco della SC Denti Biciclette Feralpi. Lanciato verso un sicuro piazzamento, nel momento cruciale ha investito un irresponsabile spettatore che eludendo gli scarsi controlli ha attraversato la strada nel momento più pericoloso della gara. Per fortuna il povero corridore ha riportato solo qualche frattura, ma per alcuni momenti si è temuto il peggio.
Abbiamo notato la scarsa affluenza di pubblico che non fa onore alla sportivissima Ceglie che si è sempre contraddistinta per la massiccia partecipazione a tutte le manifestazioni sportive ed in particolare alla Coppa Messapica, segno evidente che anche in campo sportivo è presente il decadimento che investe la città.
Grazie agli organizzatori che anche quest’anno affrontando notevoli sacrifici, anche economici hanno approntato una manifestazione di alto profilo sportivo che ha richiamato a Ceglie i migliori corridori italiani della categoria.