Brindisini antipatici

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)
Loading...

«Sei brindisino? Sappi che a me i brindisini stanno sui c…».
Questa – e tante altre frasi ingiuriose nei confronti degli abitanti della città capoluogo – hanno suscitato la timida reazione di chi l’altra notte era seduto ad un bar di Ceglie a gustare una bibita con gli amici. «Cos’hai contro i brindisini…». Non l’avesse mai detto. Questa semplice frase ha scatenato un putiferio intorno al bar. Francesco Marinelli, cegliese di trentaquattro anni, dopo le offese verbali nei confronti dei brindisini è passato alle vie di fatto, iniziando a picchiare selvaggiamente il malcapitato. Gomitate, schiaffi, pugni e perfino calci per dimostrare tutto il suo risentimento nei confronti di quel rappresentante della città capoluogo che aveva avuto l’«ardire » di replicare alle sue ripetute offese. Fortunatamente, alcuni amici del giovane brindisino hanno subito chiamato il «112» e nel giro di due minuti era già lì una pattuglia. I militari dell’Arma hanno subito sedato la colluttazione e – come solitamente avviene in questi casi – hanno chiesto le generalità dei protagonisti dell’accaduto. Il brindisino, con la faccia gonfia di botte – è finito in ospedale con una prognosi di dieci giorni – ha fornito il nome e la sua versione dei fatti. Il cegliese, invece, si è rivolto in malomodo anche nei confronti dei carabinieri rifiutandosi di fornire nome e cognome. A quel punto, i carabinieri lo hanno invitato a seguirli in caserma. In tutta risposta, Marinelli avrebbe continuato ad inveire contro tutto e tutti e a colpire con calci agli stinchi anche i militari dell’Arma. Alla fine della discussione, per il cegliese sono scattate le manette. Ora dovrà rispondere di resistenza a pubblico ufficiale ed ha beccato anche una denuncia per aver omesso di fornire le sue generalità. Questa mattina sarà interrogato in carcere dal sostituto procuratore Alberto Santacatterina al quale dovrà spiegare cos’ha scatentato tanto furia e magari chiarire i motivi del suo personale risentimento contro i brindisini.

Fonte: Vincenzo Sparviero, La Gazzetta del Mezzogiorno

Commerciante cegliese gambizzato sulla Ceglie-Ostuni

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)
Loading...

Un commerciante cegliese, Pietro Stoppa, titolare di un supermercato nel centro di Ceglie Messapica è stato rapinato e gambizzato da alcuni ignoti rapinatori che lo attendevano nel tardo pomeriggio sulla provinciale Ceglie-Ostuni. I malviventi lo hanno bloccato a metà percorso, speronandolo e buttandolo fuori strada ed in seguito veniva rapinato di una notevole somma di denaro, frutto dell’incasso del supermercato.
Il malcapitato è stato prontamente soccorso da alcuni passanti e trasportato presso il locale l’ospedale di Ostuni.
Sul caso stanno indagando i Carabinieri di Ceglie Messapica e la Polizia di Stato di Ostuni.